Navigation Menu
Bambini a lezione degli animali: di memorie canine e visite al maso

Bambini a lezione degli animali: di memorie canine e visite al maso

on Ott 12, 2015 in Trentino Alto Adige | 0 comments

Lucrezina

Bambini e animali: vi parlo della mia vita accanto a un cane e di quella di mio figlio, del suo amore per gli animali e di una visita speciale al maso Lechnerhof in Alto Adige.

Bambini e Animali - DolbyIl mio primo cane era un Pastore Tedesco, si chiamava Dolby, frequentavo le scuole elementari quando ha fatto capolino nella nostra vita e ha riempito le nostre giornate. Quando arrivò a casa era un cucciolo di pochi mesi e per noi bimbi non poteva esserci esperienza più bella: con noi è cresciuto, con i nostri peluche si è fatto i denti, sul parquet invece le unghie, con lui abbiamo imparato ad amare incondizionatamente. Quando mia madre preparava da mangiare era sempre il primo a mettersi al suo posto, a capotavola, seduto e quieto. Se qualcuno in casa partiva lui, poi, si accoccolava sempre di fronte la porta della persona in questione per segnalare che ne sentiva la mancanza e vegliava fino al suo ritorno. Per me era davvero come un fratello.

Bimbi e animali - YuukiIl secondo fido compagno della mia vita è stato invece un Husky, Yuuki (“Coraggio” in giapponese): lo trovammo abbandonato e inizialmente, per via del dolore forte della perdita di Dolby, non volevamo tenerlo ma poi lui ha saputo come farci cambiare idea.

Era un cane elegante: lui decideva quando voleva le coccole, quando venire se lo chiamavi e quando invece voleva stare per conto suo. Ricordo ancora le volte in cui per convincerlo a farlo mangiare gli mostravo entusiasta i croccantini scuotendo la busta ma lui no, se non aveva fame, si girava dall’altra parte ed andava via, come a dire “ È inutile che fai questa scenetta, sei quasi patetica”.

Bimbi e animali YUUKI SOTTO IL TAVOLOCon lui ho trascorso tutta la mia adolescenza e gli anni dell’università: quando uscivo la sera e rientravo tardi lo trovavo comodamente adagiato sul mio letto, appoggiato sul cuscino, e non c’era verso di farlo scendere.

Il terzo arrivato, e per fortuna ancora presente, è il nostro Totò: un meticcio di taglia media che abbiamo preso al canile e che originariamente avevano ribattezzato “Nerino” (…).

Bimbi e animali - TotòNel suo passato, Totò, è stato un cane di strada e questa sua “provenienza” si coglie nell’ingordigia con cui mangia TUTTO o nella sua “innata propensione” a rubacchiare il cibo non appena ti volti ma a parte questo aspetto, direi anche un po’ comico, è un cane buonissimo e mansueto. Pur essendo arrivato a casa nostra non giovanissimo (aveva 4 anni), non ha mai fatto un bisogno in casa e soprattutto non è MAI stato aggressivo con nessuno.

In particolar modo, anche in occasione dell’arrivo in casa di Baby P., è stato bravissimo: inizialmente era incuriosito dalla nuova presenza ma in pochissimo tempo per lui è diventata naturale.  Totò rispetta lui, i suoi giochi e il suo ambiente. Baby P. gli da’ i pizzicotti, lo tortura, gli lancia le palline addosso e tanto altro ancora.

Vederli insieme, dopo essere cresciuta io in primis con un cane, è per me la gioia più grande.

Credo sia proprio grazie alla vita accanto ad un cane che Baby P. abbia sviluppato una smisurata passione per animali di ogni sorta: il suo gioco preferito è mettere in fila gli animaletti, di ogni esperienza ciò che ricorda è l’animale che ha visto (che sia una rana, una gallina o un geco!) ed è inutile dirvi che vederli dal vivo lo entusiasma sempre tantissimo.

Bimbi e animali - Totò

Ad Agosto, durante il nostro soggiorno in Alto Adige, abbiamo avuto la possibilità di visitare un Maso e quella per Baby P. è stata assolutamente una delle esperienze più belle.

Per chi non lo sapesse il maso è un’abitazione rurale tipica del Trentino-Alto Adige. Il Maso Lechnerhof, dove siamo stati noi, si trova in Val Pusteria immerso nella Valle di Braies ad un’altitudine di 1.080 m.

Attraverso la fattoria didattica, la famiglia Patzleiner, che gestisce il maso da diverse generazioni, intende avvicinare i bimbi alla vita di campagna. Periodicamente vengono organizzate delle visite in cui i più piccoli hanno la possibilità di accarezzare i vitelli e le capre, dar da mangiare alle mucche e scoprire come nasce il formaggio.

Bimbi e animali - Pecora

Come anticipato, noi abbiamo assistito ad una delle visite guidate, ad Agosto, con l’obiettivo di realizzare il desiderio del nostro duenne per cui, attualmente, la possibilità di vedere una capra o una mucca dal vivo è l’esperienza più bella immaginabile.

La visita è cominciata alle 9.30 del mattino: i proprietari ci hanno inizialmente raccontato la vecchia storia del maso e di come si sono ritrovati a produrre formaggio. Poi hanno fatto una piccola parentesi sul ciclo della produzione e con l’occasione ci hanno mostrato la stalla degli animali. Tra pecore e vitelli (ce n’era persino uno appena nato la notte precedente!) ci hanno parlato della mungitura degli animali (mucche e capre): di come avviene, di quando viene effettuata e di come si organizzano.

Baby P. era in visibilio, faceva continuamente spola dai vitelli alle capre come se non volesse mostrare meno attenzione agli uni o agli altri e dunque mancar loro di rispetto.

Bimbi e animali - capre

Bimbi e animali - mucche

Per un attimo ho pensato a come sono fortunati quei bambini che hanno la possibilità di crescere non solo accanto ad un cane ma anche agli animali di fattoria….insomma credo che Heidi la sapesse lunga 😉

Dopo la visita ci è stata offerta una degustazione di prodotti di loro produzione a base di formaggi di tutti i tipi (mucca, capra e misti), ricotte varie ed acqua di sambuco (deliziosa!). Anche Baby P. ha gradito.

Bimbi e animali Cigno

La giornata è stata davvero piacevole non solo per Baby P. ma per tutta la famiglia. Sperimentare un po’ di vita di campagna fa bene al cuore.

Bimbi e animali - TotòSo per certo che la vita di mio figlio accanto ad un cane è migliore: accanto a lui, il mio bambino impara il rispetto, ama incondizionatamente e comprende le differenze in maniera naturale. Quando posso, colgo ogni occasione utile per farlo stare a contatto anche con altri animali perché ritengo fermamente che questo lo possa arricchire ancora di più e che la sua sensibilità posso solo aumentare.

Che ne pensate? Credete come me che la vita accanto ad un animale possa arricchire vostro figlio? Anche voi li portate alle fattorie didattiche? Se avete qualcuna bella segnalatemela!

Post a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Vuoi ricevere i miei articoli via mail?

Vuoi ricevere i miei articoli via mail?

Grazie ho ricevuto la tua iscrizione. A presto!

Pin It on Pinterest

Share This
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: